Il Comune di Piacenza adotta LibreOffice

gabbiani

Il Comune di Piacenza ha annunciato ieri ufficialmente il passaggio a LibreOffice, dopo che aveva contattato il nostro gruppo di lavoro nelle scorse settimane per avere uno scambio di esperienze. Con lo stesso entusiasmo e spirito di collaborazione LibreUmbria ha messo a disposizione tutto il materiale di progetto e didattico affinché i colleghi lo possano riusare.

L’adozione di LibreOffice consentirà al Comune di Piacenza di risparmiare complessivamente oltre 250.000 euro. “Il percorso di migrazione si completerà entro il 2014 – si legge nel comunicato stampa – e vede coinvolte tutte le postazioni informatiche dell’Ente (oltre 800) e la formazione di oltre 600 persone. Il processo di cambiamento prevede un forte coinvolgimento del personale interno sia per la gestione delle vari fasi progettuali che per l’erogazione della formazione in aula. Per agevolare la migrazione verranno individuati dei “facilitatori” interni che
seguiranno passo dopo passo le varie operazioni, affiancando il personale nelle
attività quotidiane”.

La decisione è maturata dopo un percorso progettuale avviato nel 2012 che, analizzata
l’infrastruttura informatica comunale e le principali necessità dell’Ente, ha coinvolto
direttamente i dipendenti con la somministrazione di un questionario compilato da
oltre 500 persone. Le informazioni raccolte hanno permesso di avere un quadro
completo sull’utilizzo delle applicazioni.

Benvenuto nella “famiglia” di LibreItalia quindi al Comune di Piacenza che è una di quelle PA che ha capito finalmente che il software libero si può scegliere e si deve scegliere.

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: